Curiosità tutte triestine

Trieste
La sua unicità

Trieste è una città strana: signora e ragazzina, antica di secoli eppure giovane. Le sue vie, le sue piazze, i palazzi, le chiese, le case più belle, mostrano tanti stili diversi che le danno un'aria unica, irrepetibilmente diversa da tante illustri consorelle. Se andiamo a Venezia ci immergiamo nel Gotico, se andiamo a Roma troviamo l'antico impero, a Firenze viviamo nel Rinascimento. E a Trieste?
A Trieste troviamo tutto: il neo-gotico si sposa con lo stile russo, la casa pompeiana non stona accanto ad un edificio in stile rinascimentale, il finto castelletto medievale convive con il palazzo neoclassico e lo stile littorio del Piacentini si confronta con le cariatidi di una casa dell'altro secolo in stile floreale.
C'è una Trieste piena di particolari da scoprire e osservare se solo, almeno per un giorno, accantoniamo la frenesia della nostra vita e guardiamo con occhi attenti i magnifici particolari che abbelliscono questa città: i portoni in legno del Borgo Teresiano, i lavori in ferro battuto, le statue, i bassorilievi, le cariatidi e i telamoni, gli abbaini e i poggioli, i camini, le chiavi di volta, le fontane. tutto insomma, ogni particolare architettonico, anche minimo o nascosto, e vedere quante ricchezze e bellezze si celano davanti a noi.

Fatti singolari
Curiosità

La torpediniera interrata Le uscite di sicurezza
La gru ad acqua La galleria misteriosa
Lavori stradali d'altri tempi L'albergo più elegante e lussuoso dell'Impero
La prima cabina elettrica "Michez" e "Jachez"
I cingoli del carro armato La Chiesa di rapina
La piazza rotonda Le campane fuse con il bronzo dei cannoni
La base sommergibili di Sistiana L'albero del Rossetti
Il torques di San Giusto La finestra di Joyce
I tre mulini Il bombardamento del 1813

Una città stravagante
Le stranezze

La grotta in Corso Italia
La poesia in riva al mare
Il profilo di Dante
Il passamano più alto
Una via senza portoni
Tracce Templari
La torre del silenzio


Pagina seguente: Leggende/ Racconti »
Ultimo aggiornamento: 18 aprile 2008