Vento di Bora

Triestina doc
Carta d'identità

Il nome Bora deriva dal latino "boreas" (greco "boréas"), vento di settentrione, per indicare il vento impetuoso che soffia da EST-NORD-EST sul golfo di Trieste. Contrariamente al nome del suo antenato Boreas (Aquilone), Bora è di genere femminile.
A differnza della sua intensità, ci sono molti modi a Trieste di definire al Bora:

Dall'altipiano carsico
Le origini

Come tutti i venti nasce per spostamenti d'aria che si determinano in conseguenza di diversità di pressione.
La Bora è un violento vento discendente che dall'altipiano carsico precipita sulla città e sul mare di Trieste in direzione del golfo di Venezia. E' un vento continentale, fresso e secco, che ha origine nell'Europa centro-orientale dall'anticiclone russo, una massa ad alta pressione che tende a precipitarsi nella depressione dell'Adriatico. Questa situazione produce un deflusso di aria fredda dalla Carniola verso il mare attraverso i valichi situati fra le Alpi Giulie e i monti Kapela della Croazia.
La corrente aerea, nella sua discesa, trova un ostacolo nel monte Nevoso che divide la bora in due Flussi: il primo, per il valico di Postumia, dilaga attraverso l'altipiano carscico e si abbatte su Trieste e sul golfo, il secondo si dirige fra il Nevoso e le elevazioni settentrionali dei monti Kapela e Velebit investendo Fiume e il Quarnaro e arrivando fino a Segna (Senj) in Dalmazia.
La bora di Trieste, rispetto quella di Fiume e Senj, presenta caratteri di maggior intensità e turbolenza. Sull'altipiano carsico la corrente d'aria trova possibilità di espandersi e perciò defluisce con caratteri generalmente più moderati e uniformi. Arrivata al margine dell'altipiano, che si eleva immediatamente alle spalle della città a un'altezza di circa 300mt, precipita sulla stretta fascia costiera e sul mare a una velocità che va rapidamente aumentando con la discesa mentre il flusso assume contemporaneamente forze turbinose e di estrema violenza.

Raffiche fino 170-180 km/h
La velocità

Sulla città la bora può raggiungere una velocità media di 50-80km/h; eccezionalmente le raffiche possono arrivare a punte massime di 170-180km/h. Queste sono le misurazioni ufficiali, ma è da tener presente che nei punti più esposti le raffiche possono superare questi valori anche del 10-15%.
Sull'altipiano carsico la velocità raggiunge circa i 4/5 dei valori raggiunti in città e la bora è più uniforme, più tesa, meno violenta ma più fredda.



Ultimo aggiornamento: 18 aprile 2008